L'excommunication des évêques de la FSSPX est levée

Publié le par Le traditionnel


L'excommunication des évêques de la FSSPX est levée! Voici le texte - en italien - qui est sur le site du Vatican (une traduction française sera disponible bientôt) :






 
REMISSIONE DELLA SCOMUNICA LATAE SENTENTIAE AI VESCOVI DELLA FRATERNITÀ SACERDOTALE SAN PIO X , 24.01.2009

 

 

DECRETO DELLA CONGREGAZIONE PER I VESCOVI



Con lettera del 15 dicembre 2008 indirizzata a Sua Em.za il Sig. Cardinale Dario Castrillón Hoyos, Presidente della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, Mons. Bernard Fellay, anche a nome degli altri tre Vescovi consacrati il giorno 30 giugno 1988, sollecitava nuovamente la rimozione della scomunica latae sententiae formalmente dichiarata con Decreto del Prefetto di questa Congregazione per i Vescovi in data 1° luglio 1988. Nella menzionata lettera, Mons. Fellay afferma, tra l'altro: "Siamo sempre fermamente determinati nella volontà di rimanere cattolici e di mettere tutte le nostre forze al servizio della Chiesa di Nostro Signore Gesù Cristo, che è la Chiesa cattolica romana. Noi accettiamo i suoi insegnamenti con animo filiale. Noi crediamo fermamente al Primato di Pietro e alle sue prerogative, e per questo ci fa tanto soffrire l'attuale situazione".


Sua Santità Benedetto XVI - paternamente sensibile al disagio spirituale manifestato dagli interessati a causa della sanzione di scomunica e fiducioso nell'impegno da loro espresso nella citata lettera di non risparmiare alcuno sforzo per approfondire nei necessari colloqui con le Autorità della Santa Sede le questioni ancora aperte, così da poter giungere presto a una piena e soddisfacente soluzione del problema posto in origine - ha deciso di riconsiderare la situazione canonica dei Vescovi Bernard Fellay, Bernard Tissier de Mallerais, Richard Williamson e Alfonso de Galarreta sorta con la loro consacrazione episcopale.


Con questo atto si desidera consolidare le reciproche relazioni di fiducia e intensificare e dare stabilità ai rapporti della Fraternità San Pio X con questa Sede Apostolica. Questo dono di pace, al termine delle celebrazioni natalizie, vuol essere anche un segno per promuovere l'unità nella carità della Chiesa universale e arrivare a togliere lo scandalo della divisione.


Si auspica che questo passo sia seguito dalla sollecita realizzazione della piena comunione con la Chiesa di tutta la Fraternità San Pio X, testimoniando così vera fedeltà e vero riconoscimento del Magistero e dell'autorità del Papa con la prova dell'unità visibile.


In base alle facoltà espressamente concessemi dal Santo Padre Benedetto XVI, in virtù del presente Decreto, rimetto ai Vescovi Bernard Fellay, Bernard Tissier de Mallerais, Richard Williamson e Alfonso de Galarreta la censura di scomunica latae sententiae dichiarata da questa Congregazione il 1° luglio 1988, mentre dichiaro privo di effetti giuridici, a partire dall'odierna data, il Decreto a quel tempo emanato.



Roma, dalla Congregazione per i Vescovi, 21 gennaio 2009.


Card. Giovanni Battista Re

Prefetto della Congregazione per i Vescovi



Source : http://212.77.1.245/news_services/bulletin/news/23250.php?index=23250&lang=ge 




 

Commenter cet article

Jonathan 24/01/2009 21:53

Est-ce que cette levée des excommunications rend les baptêmes, confirmations, mariages et ordinations de la FSSPX valides aux yeux de L'Église? Pardon pour cette question de néophyte.

saint françois de sales 24/01/2009 14:31

Je vous remercie d'avoir cité mon blog et mon article dans votre article précédent.
je me permet de vous signaler que la traduction du dècret en français est disponible sur le site DICI .
Remercions le seigneur pour cet acte courageux et pour la possiblité d'une pleine communion de la FSSPX avec le siège de Pierre.
Je tiens également à apporter ma réflexion suivante sur le sujet à propos des menbres des communautés Ecclasiae dei qui nie l'héritage doctrinale de Mgr lefebvre et qui ne reconnaise plus la messe tridentine que comme un charisme fondateur.
Il ne devarit pas oublier que sans Mgr lefebvre la crise dans l'Eglise serait encore certainement plus grave...
N'oublions pas que Mgr lefevre était un des seuls rappeler la royauté de N.S.JC remercions le pour ça au moins.
Le quatrième commandement dit "Honore ton père et ta mère.
BIen à vous in Deo.